Libertà. Un giorno di aprile, forse il 25, del 2040 - condividilaconoscenza.org 0
+44 (0)2 032864793
patriots@digitbrand.com

 
 
Questo sito ha una molteplicità di funzioni:
Aggregatore di notizie (tipo "news.google" ®), Motore di ricerca (tipo "www.google" ®), Social (in preparazione), Blog personali (in preparazione)
Le notizie non vengono mai "copiate" sul sito, ma vengono soltanto "condivise" (come si fa su Facebook ®) e vengono riportati soltanto titolo, abstract e foto (dati ripresi dagli appositi tag social og:title, og:description, og:image, og:url). Si rimanda sempre al sito originario.

articolo

 
 

Questa composizione è nata, dopo diverse meditazioni sulla situazione, il primo maggio del 2020 che, credo ricorderete, fu vissuto in forma esclusivamente virtuale. Era del resto successivo a un 25 aprile soppresso, per la prima volta nella storia del nostro dopoguerra. Azzerato, andato completamente deserto per la paura della pandemia. La situazione mi turbò parecchio e diede sfogo a questi versi, che immaginavano un futuro in cui gli adulti di adesso si ritrovavano nonni, e dovevano spiegare ai nipoti cose che quei piccoli, per l'ignavia di venti anni prima di fronte alla soppressione dei diritti Costituzionali, potrebbero trovarsi a non conoscere. Patrizia Varnier (17-10-2021 08:50:04)

Condividi su          

CLICKA QUI PER APRIRE L'ARTICOLO COMPLETO DAL SITO ORIGINARIO

RITORNO ALLA LISTA

Commenti dei lettori

4